Pensieri Sparsi

silenziose parole lasciate al rumore del tempo…

Archivio per gennaio 4, 2008

Capodanno

Trascrivo uno stralcio del lungo commento che ho lasciato sul blog di Yaya. E’ un mio pensiero e mi sembra giusto che stia anche qui, nel suo posto.

Per me l’ultimo dell’anno è un giorno di angoscia e fastidio; angoscia della sensazione del tempo che passa, ogni anno mi guardo indietro e non mi ritengo mai soddisfatto di quello che ho lasciato, e di guardare ad un futuro sempre più breve, ho paura. Fastidio dei botti, del casino, dei festeggiamenti insensati, degli sprechi, dell’idiozia della gente. O forse hanno ragione loro a divertirsi e non pensare! Ma si divertono veramente a capodanno tutti quelli che poi finiscono a vomitare l’anima alle 6 di mattina?

Capodanno poi è il giorno più triste dell’anno… ti alzi tardi, trovi tutto chiuso, finisce che resti a casa o in viaggio per ritornarvi, quasi anestetizzato, ed il primo giorno dell’anno è già volato via senza che te ne sei accorto. E così faranno tutti i giorni dell’anno, perché, come si dice, quello che succede a capodanno, succede tutto l’anno.