Pensieri Sparsi

silenziose parole lasciate al rumore del tempo…

Archivio per aprile, 2016

Schiavi della tecnologia

Uno dei paradossi della nostra società è quello della tecnologia, che, come da slogan, dovrebbe renderci la vita più facile.
Sento tante persone dire che in passato la vita era più facile, meno complicata e stessante.
Forse è solo un effetto collaterale dell’invecchiare, ma me ne accorgo anche io. E responsabile è proprio questa tecnologia sempre più invadente; si, quella che avrebbe dovuto semplificarci le cose. Passiamo ore chini sullo smartphone: devi stare dietro al tuo profilo facebook, seguire gli aggiornamenti di Twitter, partecipare alle discussioni su WhatsApp, controllare le email, pulire lo spam, aspettare le risposte sui forum, controllare il conto online, aggiornare le app, ripulire la cache, riordinare le foto… E questo solo per il telefonino, senza contare il resto.

E adesso vediamo quanti commenti o mi piace arriveranno…

Another chance

Non so di preciso come funzionano le carceri ma a mio parere dovrebbero essere pensate in questo modo:
1. La detenzione ha un costo, vitto e alloggio non possono essere a carico della società che tu hai danneggiato. Ponendo ad esempio che costi 20€ al giorno (ossia 600€ al mese) o paghi con i soldi di tua proprietà (conto corrente, beni mobili o immobili) oppure devi svolgere un lavoro, fuori o dentro il carcere (a seconda della pericolosità del reato commesso) che ti consenta di guadagnarli. Ciò che avanza resta a te per eventuali extra o per la fam

iglia.

2. Obbligo di frequenza di un corso di riabilitazione e reinserimento, tenuto da esperti, che serva a comprendere l’errore commesso e ad evitare recidive.

Una punizione unicamente repressiva non porta nulla secondo me, fa solo venire voglia di vendicarsi una volta usciti (è un istinto umano naturale), inoltre lavorando non si è solo un peso x la società, bensì se ne è un ingranaggio attivo, ci si rende utili e si occupa il tempo.
Purtroppo la detenzione per noi è sinonimo di vendetta: hai commesso questo reato allora devi marcire in galera. Ma questa mentalità non porta da nessuna parte.
In una società che funzioni, tutti devono avere una possibilità.

Stagioni

Amo questo periodo dell’anno: i colori, i profumi, la luce, le sensazioni… vorrei che fosse aprile tutto l’anno. Fermare il tempo nel suo momento più bello.
Se la vita fosse un’eterna primavera…
Mia figlia sta vivendo proprio questo momento, è all’inizio della primavera, all’inizio della sua vita, la fase in cui sei fiore appena sbocciato ma non sei ancora che frutto diventerai.
Io invece sono già in estate inoltrata, le messi ormai sono mature. È ancora una bella fase della vita ma vedo l’autunno sempre più alle porte.