Pensieri Sparsi

silenziose parole lasciate al rumore del tempo…

I vizi e le perversioni ti portano via la vita. Ti soggiogano col il loro gusto dolce e amaro al contempo, ti fanno girare la testa. È come un cancro piano piano si allargano e ti mangiano dentro, togliendoti la percezione del limite.

E quel pezzo di vita che ti hanno preso non lo recuperi più. Perché quando te ne accorgi è sempre troppo tardi. Puoi solo imparare a conviverci cercando di salvare la parte buona che di te ancora si è salvata.

Annunci

Punti di vista

Continuo a percepire gli anni che passano come tempo che perdo

Invece dovrei forse iniziare a vederli come tempo guadagnato

Per Sempre

Tratto dal gruppo Facebook “papà a Novara”:
Luciano Ligabue, nel brano dedicato alla figlia, scrive:
Sarà difficile
dire tanti auguri a te
a ogni compleanno
vai un po’ più via da me.
 
Ed è una cosa che sento tanto anche io.
I figli, appena nati, è come se fossero una proiezione di noi stessi. Dipendono da noi in tutto e per tutto. È quasi come se una parte di noi vivesse in un altro corpo.
Ma crescendo cominciano a sviluppare la loro autonomia e diventano delle persone a se, con idee e pensieri propri.
È giusto e normale che sia così, ma mi spaventa l’idea.
Spero di poter continuare a vivere sempre un po’ in mia figlia. E trasmettere un po’ di me stesso a lei, a suoi figli, ai figli dei figli…
Per vivere in eterno.
Per questo è così importante il lavoro che da genitori dobbiamo fare nei primi anni di vita dei nostri figli.